KickBoxinglogo
bottonekb1

HOME PAGE

RETURN HOME

Campioni

DAVIDE CARLI

DAVIDE CARLI
Warriors Team Rimini

Nato a Rimini il 10-12-1971 76 kg. per 174 cm.

Campione Mondiale di Shoot Boxe “Golden Dragon” cat. 70 kg.1993

Campione Mondiale di Thai Boxe WPKA cat. 72,5 kg.1997

Campione Mondiale di Kick Boxing WKA cat. 72,5 kg.1998

Campione Mondiale di Free Fight IFO cat. 76 kg.1999

Ultimate Warrior, Ice Man, il Piccolo Tyson (quest'ultimo affibbiatogli ai tempi del suo esordio nel mondo del pugilato, nel periodo in cui Mike Tyson stupiva soltanto per la forza fisica e le straordinarie vittorie...). In tanti modi è stato soprannominato Davide Carli, vero guerriero del ring, sicuramente il personaggio di maggior spicco nel panorama nazionale delle arti marziali e degli sport da combattimento, nonché fighter stimato ed ammirato in tutta Europa e nel mondo. Il 30enne riminese Davide Carli è il pluricampione mondiale di thai boxe e kick boxing nella categoria 72,5 kg e di free fight nella categoria 76 kg, ma in tanti anni di attività si è cimentato in diverse discipline e sempre con ottimi risultati. Il suo debutto ad alto livello è nel kung fu: per tre anni consecutivi - dal 1991 al 1993 - conquista il titolo italiano e nel 1992 porta a casa da Taiwan la medaglia d'argento ai campionati del Mondo. Successivamente all'interno della splendida cornice del Golden Dragon 1993 di Rimini, manifestazione passata alla storia degli sport da combattimento, Davide Carli sbaraglia il campo in un torneo durissimo e sconfigge tutti gli avversari aggiudicandosi l'ambitissimo trofeo.

La sua disciplina prediletta è comunque la boxe tailandese, la più completa e soprattutto la più dura, che prevede tecniche di pugni, calci e ginocchia. Il grande amore sboccia proprio nella madre patria, la Tailandia. Dopo averne sentito parlare in maniera entusiastica da un amico, Davide Carli è un fulmine (proprio come sul ring...) nel preparare le valige e partire per il lontano Oriente dove sostiene il primo vero incontro in Tailandia - naturalmente vinto -. Sempre nel 1994 arriva la grande chance. Carli è in forma splendida ed in Austria gli offrono l'opportunità di sfidare il campione europeo di thai boxe, Bern Pongrate. L'occasione è ghiotta e il riminese non se la lascia sfuggire. Infatti fulmina l'avversario in appena un minuto portandosi a casa la meritatissima corona continentale.

Nel giugno successivo, nell'ambito del Festival del Fitness di Rimini, Davide Carli accetta l'incontro con il lottatore francese Bravard (campione transalpino di lotta e grande esperto di arti marziali) nella disciplina della shoot boxe (disciplina che oltre tutte le tecniche della thai boxe prevede anche la lotta a terra). Lo sconfigge e porta a casa la corona di campione intercontinentale.

Quindi arriva anche il momento della sfida per il titolo mondiale. A Milano Davide si trova di fronte il detentore Michele Araldi. L'incontro è terribile, Carli riesce ad esaltare le migliaia di persone che stipano in ogni ordine di posto il Palatrussardi. Ma alla fine il verdetto - contestatissimo - è di parità e il titolo rimane ad Araldi. Il 1995 è invece l'anno dell'esordio nel pugilato dove dimostra a suon di ko di poter competere anche nella noble art, disciplina dove non può esprimere la grande potenza dei propri arti inferiori.

Tra i suoi avversari nella thai e nella kick boxing sfilano tutti i più forti atleti in circolazione nel panorama mondiale, dagli svizzeri naturalizzati Azem Makzutaj e Marino Deflorin, al turco Fricret, ai francesi Pennacchio ed Akem, dal russo Krivorusko ai naturalizzati francesi Garros e N'To e il marocchino Kassrioui. Quindi nel 1996, due giorni prima del suo compleanno Davide parte per Praga e partecipa - primo e unico italiano - al torneo Piramyd, una delle manifestazioni più spettacolari e quotate in campo internazionale. Le cose vanno per il meglio e dopo aver letteralmente demolito i primi due avversari conquista un secondo posto che fa salire alle stelle le sue quotazioni in Europa.

Il 1997 invece è caratterizzato da alcuni match di rodaggio in Tailandia nei primi mesi dell'anno e da una dura estate in palestra, per prepararsi al meglio al grande appuntamento di novembre: la seconda opportunità per portare a casa la cintura mondiale. E questa volta proprio a Rimini, di fronte al pubblico amico che lo ha sempre spinto a prestazioni incredibili Davide Carli conquista il titolo mondiale di thai boxe Wpka contro il quotato francese Side Khoe.

Ma il suo desiderio ora è di unificare i titoli mondiali in tutte le discipline. Davide Carli nell'ambito della prima edizione del noto gala Megakickboxing tenutosi nel novembre del 1998 Rimini, conquista con un agghiacciante ko alla 2° ripresa la cintura mondiale di kick boxing Wka ai danni del croato Goran Borovic. La scalata alla vetta del mondo non è ancora terminata per l'ambizioso riminese. Infatti l'anno successivo e precisamente nel 1999, Davide Carli affronta l'ungherese Dragan Kusmic in un confronto valido per il titolo mondiale di Free fight Ifo nei 76 kg. L'incontro dura solo pochi minuti, in uno scontro di tibia contro tibia Dragan Kusmic ha la peggio. Infatti si frattura tibia e perone nella collisione e davide Carli si aggiudica l'ennesimo titolo.

Ma “la pace dei sensi” l'atleta del Warriors Team non l'ha ancora raggiunta.. Nel novembre del 2000, all'interno della manifestazione denominata “Kick Boxing Super Star” di Milano, Davide Carli sale sul ring per aggiudicarsi il titolo mondiale di thai boxe Wpkc nientemeno che con il naturalizzato francese Haurelien Duarte. Cioè il campionissimo di kick e thai boxe di ben due categorie superiori!!! Purtroppo l'impresa gli sfugge per un soffio e Davide Carli è costretto a tornare a casa ancora con la voglia di sfida... Dopo un anno di pausa dai match il riminese si reca in Tailandia per il consueto stage d'allenamento. Ma appena i tailandesi si sono accorti delle capacità del riminese sono partite subito le sfide. Il consenso inevitabile di Davide Carli lo fa trovare a distanza di pochi giorni subito sul ring di Pattaya con un avversario di ben 15 kg superiore, per un confronto Italia-Tailandia. Il riminese riesce ugualmente a mettere in difficoltà il tailandese Chiannoi (ex campione del prestigioso Lumpini Stadium), ma non abbastanza per aggiudicarsi il match in una terra di nazionalisti come la Tailandia…Oltre all'intensa attività di atleta e alla gestione del pub Lord Nelson, uno dei più rinomati di tutta Rimini, Davide Carli ha da tempo aperto una palestra nel centro di Rimini in via Vanzi 16 dove si è dedicato all'insegnamento delle arti marziali ed inoltre è l'allenatore dell'emblematico: Warriors Team.

CARLIDavide